Zuppa di pane

Oggi, fuori dalla finestra, c’è un tempo da lupi. è anche caduto qualche fiocco di neve. Niente di meglio che una buonissima zuppa, per riscaldare lo stomaco e ritemprare il fisico e l’umore.

Questa ricetta nasce dai nostri nonni che, anche con gli scarti o gli avanzi del pane, facevano delle ottime zuppe e dei mangiarini da Re. E’ assolutamente da provare, tal quale, o guarnita con dei funghi o con un po’ di speck. Ovviamente la ricetta che vi lascio è leggermente modificata, arricchita dalla panna e dall’uovo, che forse una volta non si potevano neanche permettere.

Buona lettura e buon appetito.

INGREDIENTI per ca 8-10 persone

500 g PANE RAFFERMO

3 l BRODO BUONO

1 UOVO INTERO

1 CIPOLLA BIONDA GROSSA

1 SCPICCHIO D’AGLIO

BURRO E OLIO D’OLIVA (o in alternativa un cucchiaio di strutto)

100 ml PANNA FRESCA

2 CUCH. FARINA

PREZZEMOLO

20130914_12360020130914_12444320130914_124726

PROCEDIMENTO:

Prendere la cipolla e l’aglio. Pulirli e ridurli finemente. In una pentola capiente versare un po’ d’olio di oliva con il burro, o con un cucchiaio di strutto al posto del burro (lo renderà molto più saporito, e sembra inverosimile, e leggero), farli scaldare e aggiungere la cipolla e l’aglio, facendoli leggermente imbiondire.

Prendere il pane raffermo e tagliarlo a quadratoni (se aveste anche del pane nero la zuppa risulterà più ricca e consistente), farlo leggermente tostare nell’olio con la cipolla, spolverizzarlo con la farina.  Fare attenzione che né il pane né la farina si brucino, o se no la zuppa avrà un retrogusto amarognolo.

Ricoprire quindi il tutto con il brodo. Fare cuocere dolcemente per ca un’ora –  un’ora e mezza, rimestando di tanto in tanto. Aggiungere all’occorrenza un pò brodo o acqua, e se scarso di sale anche qualche chicco di sale grosso.

20130914_12510620130914_131233

Una volta che il pane si sarà del tutto spappolato, con l’ausilio di un mix ad immersione, passare la zuppa sino a che non risulterà bella cremosa e densa.

Riporla sul fuoco aggiungendo un filo di panna e del liquido, in quanto si addenserà sicuramente. Toglierla quindi dal fuoco, spolverizzare con prezzemolo fresco e, con una frusta  a mano, sbatterci dentro un uovo intero.

Dividere la zuppa in tante cocotte, o in una zuppiera unica, mettendo, come decorazione, un filo di olio e di panna. Servire immediatamente, bella calda e fumante.

Ottimo abbinamento sono dei funghi trifolati, un po’ di tartufo bianco grattato fresco, o anche un po’ di speck abbrustolito.

20130914_132003